Posizionamento delle keyword in ottica SEO.

All’interno del mondo della SEO (Search Engine Optimization) un capitolo importante e spesso trascurato riguarda il posizionamento delle parole chiave (keyword) all’interno del testo di un contenuto.

Keyword?

Con il termine keyword ci si riferisce alla parola, o insieme di parole, che gli utenti digitano sul web per effettuare le loro ricerche.
Premesso che per scegliere le keyword adatte al contenuto e utili per la SEO bisogna effettuare un’analisi utilizzando i vari tool presenti sul web, in questo articolo ci soffermeremo sul posizionamento delle parole chiave all’interno del testo.

Come inserire le keyword nei titoli?

Prima una precisazione: non dobbiamo inserire le parole meccanicamente.  L’arte del SEO Copywriting sta nel creare un testo scorrevole, ben scritto e interessante, riuscendo però ad inserire le parole chiave desiderate nei punti strategici.

Iniziamo seguendo la struttura di una classica pagina o articolo.

Nel titolo (H1) bisogna sempre aggiungere la keyword più importante. Se non modificato attraverso codice o plugin del CMS su cui stiamo scrivendo, esso andrà ad apparire anche come tag title nelle ricerche.
Come detto l’H1 corrisponde al titolo, quindi basterà semplicemente riempire il relativo campo in alto nell’editor per avere entrambi. Deve però essere sottolineato che molti CMS consentono di inserire dei titoli H1 anche all’interno del testo, e molti esperti sul web hanno confermato che, nonostante sia una pratica poco usata, in particolari casi in cui il contenuto è diviso in varie sezioni può risultare una strategia lato SEO efficace.

titolo seo keyword
Campo inserimento titolo H1 WordPress

Successivamente utilizzando gli header H2, H3, H4, H5, H6 possiamo facilitare la lettura ed a indicare al lettore e al motore di ricerca gli argomenti trattati. 
Questi header corrispondo a dei classici sottotitoli e permettono di creare una gerarchia all’interno del contenuto.

Campo selezione header WordPress

In questi è buona regola inserire delle parole chiave correlate al tema principale.
La regola generale è quella di non saltare dei livelli di header. Ad esempio non è consigliabile passare dall’H1 all’H3.
Questi devono descrivere il testo introdotto senza esagerare nell’inserimento di parole chiave.

Nella guida all’ottimizzazione SEO Google ci fornisce alcune best practice:

  • Non inserire nei tag heading testo inutile.
  • Non utilizzare tag heading dove invece andrebbero altri tag.
  • Passare da una dimensione di intestazione all’altra in maniera non corretta.
  • Evitare di inserire troppi tag heading sulla stessa pagina.
  • Non scrivere intestazioni troppo lunghe.
  • Non utilizzare tag heading solo per dare uno stile al testo.

Posizionamento delle keyword nel contenuto

Per quanto riguarda il posizionamento delle parole chiave all’interno del testo bisogna fare delle precisazioni.
Sono stati effettuati molti test riguardanti la densità nel testo di parole chiave (keyword density) e la frequenza con cui vengono ripetute (keyword frequency). In realtà l’algoritmo di Google è molto complesso ed ha un comportamento che imita il più possibile un utente umano, quindi questi studi risultano interessanti a livello teorico, ma quasi del tutto inutili nel SEO Copywriting.
Gli unici consigli utili sono di non ripetere troppo le parole chiave (Keyword Stuffing, pratica sconsigliatissima da Google), e di non inserire parole slegate dal testo solo per migliorare l’indicizzazione.

Ha invece una certa importanza la Keyword Prominence. Essa è una regola secondo cui il motore di ricerca da più importanza alle parole chiave più vicine all’inizio di ogni “porzione di pagina”.
Per porzione di pagina intendiamo ogni sezione di testo separata dal resto: tag title, url, headers, paragrafi, nomi e testo alternativo delle immagini.

Esempio:

Le keyword aiutano nel posizionamento sui motori di ricerca.

Per migliorare il posizionamento sui motori di ricerca dobbiamo utilizzare delle keyword.

Nella prima frase la prossimità dei termini che vogliamo siano ricercati è maggiore.

Conclusione

In conclusione, scrivete in maniera fluida e senza preoccupazioni. La vostra unica preoccupazione sarà quella di scrivere un testo interessante e scorrevole nella lettura.
Tenete però a mente queste semplici regole, in maniera da poter apportare delle piccole correzioni che possano aiutarvi nel posizionamento della SEO.